MENU

Quando Coinbase rilascerà i tuoi Ethereum in stake?

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on twitter
Sono passati sette mesi da quando Coinbase Global ha permesso agli investitori di Ethereum di guadagnare qualcosa sulla criptovaluta che possiedono. Realizzare questo profitto però è tutta un'altra storia.
Ethereum

Sommario

I trader di criptovalute hanno festeggiato quando Coinbase ha annunciato ad aprile che stava aggiungendo Ethereum alla manciata di criptovalute che pagano interessi per coloro che sono disposti a lasciare che lo scambio lo paghi per loro conto. Il rischio, che a suo merito è stato esplicitamente dichiarato da Coinbase, è che Ethereum impegnato nel programma di staking reward di Coinbase non possa essere scambiato fino alla trasformazione della criptovaluta in proof of stake. Con quel traguardo ancora a mesi se non di più dall’essere raggiunto, Coinbase potrebbe avere presto un problema.

Perché ci sta mettendo così tanto?

Perché ci sta mettendo così tanto?

Il passaggio di Ethereum dal proof of work al proof of stake sarà enorme per la seconda criptovaluta più preziosa al mondo. Semplificherà l'elaborazione di più transazioni e sarà più economico da spostare. Faciliterà anche l'argomento della natura ecologica del processo di mining che ha perseguitato le principali valute digitali proof-of-work. È una vittoria in tutto e per tutto e migliorare la scalabilità e la funzionalità di sicurezza potrebbe renderla la criptovaluta più preziosa del pianeta in poco tempo.

Il problema per Coinbase è che ha dovuto convertire provvisoriamente Ethereum in stake nel nuovo Ethereum 2 che attualmente non ha un mercato. Il prezzo indicato è lo stesso dell'originale, ma non c'è via d'uscita.

In questo momento questo non è un grosso problema. Ethereum sta raggiungendo nuovi massimi questa settimana, quindi i trader di criptovalute con dita sul grilletto pruriginose che stanno puntando Ethereum tramite Coinbase dovrebbero essere grati. Sarà una storia diversa quando la criptovaluta inizierà ad andare nella direzione opposta. E a quel punto, non era meglio investire tramite Bitcoin Prime app?

A peggiorare le cose, Coinbase inizialmente ha preso un tasso sull'interesse guadagnato fino al 7,5% che è stato ridotto al 6% quando ha introdotto ufficialmente la piattaforma. Quel 6% è diventato il 5% a giugno, e ora è il 4,5%. Coinbase aveva chiarito che l'interesse poteva salire o scendere, e sfortunatamente è sceso per la criptovaluta bloccata.

La maggior parte degli investitori vorrebbe generare un reddito passivo del 4,5% su un asset con forti prospettive di apprezzamento, ma è una storia diversa nel mondo selvaggio della finanza decentralizzata. Ci sono molti scambi e hub di criptovalute che pagheranno interessi per le persone disposte a puntare o prestare le criptovalute depositate. Diversi siti e app stanno generando oltre il 4,5% su Ethereum.

Alcune delle opzioni più popolari includono:

Ci sono rischi insiti in tutte le alternative e Coinbase ha il vantaggio finanziario stabile di essere il cane migliore in questo mercato. Tuttavia, nessuna delle altre piattaforme richiede ai propri account di attendere il completamento della migrazione di Ethereum al protocollo proof of stake.

La buona notizia è che Coinbase ha comunque affermato che potrebbe offrire la possibilità di scambiare o vendere Ethereum in stake sulla sua piattaforma prima del completamento dell'aggiornamento della rete. Non ha annunciato la disponibilità di quella finestra, o cosa accadrebbe all'interesse generato nei premi se qualcuno dovesse uscire più presto del previsto.

Ancora una volta, ricordiamo che questo non è un qualcosa che pesa su Coinbase in questo momento. Non puoi puntare il tuo Ethereum sulla piattaforma prima di riconoscere che sarà bloccato durante il processo di migrazione e che il tasso oscillerà. Sarà una storia diversa se Ethereum inizierà a precipitare e le porte di uscita di Coinbase saranno bloccate.