MENU

Lettera d’Addio a Diego Armando Maradona

Share on whatsapp
Share on facebook
Share on telegram
Share on email
Share on twitter
Era il rappresentante del popolo, la voce dei lavoratori e degli oppressi • Quasi sacro, con il petto gonfio e una passione che baciava sempre le nuvole
Lettera d'Addio a Diego Armando Maradona

Era il rappresentante del popolo, la voce dei lavoratori e degli oppressi • Quasi sacro, con il petto gonfio e una passione che baciava sempre le nuvole • Un giocatore che non sarà mai dimenticato • Il mondo dello sport piangerà per molti giorni la morte di Diego Armando Maradona • Un addio al più grande calciatore, che sarà ricordato per sempre nel cuore di molti.

Era un calciatore. Argentino. Di bassa statura. Era riccio. Era un povero ragazzo proveniente da un ambiente povero. Un quartiere maledetto. Rappresentava il calcio. Trattava la palla con riverenza. Avrebbe fatto miracoli con il pallone. Per il pallone. Lo cullava tra le gambe andando a compiere il suo destino su questo pianeta.

Diego Armando Maradona

Era un alieno. Era inarrestabile. Nelle parole come nel dribbling. Poneva fine a una partita con un solo calcio. Poteva perdere il controllo con una sola parola. Ha segnato in cinque minuti il ​​goal più sporco della storia e il goal più puro del secolo. Era un mondo nella sua interezza.

Era un campione del mondo. E il Campione Italiano. Per ben due volte. Era il rappresentante del popolo. La voce degli operai e degli oppressi. Era un santo. un dio. Un re.

Diego Armando Maradona - Era un campione del mondo

Era un comunista. Ha adottato i deboli e gli svantaggiati. Disgustato dai ricchi e dai potenti. Tale era lui. Con il petto gonfio. Con una passione tremenda. È stata la cosa migliore mai successa al calcio argentino. La cosa migliore mai successa al Napoli.

Era troppo bravo. Ha permesso al sud Italia di sollevare la testa. Ha piazzato l'Argentina al vertice e ha fatto tutto quasi da solo. È stato un sogno diventato realtà.

È stato anche drogato. Drogato. Un bevitore. Possedeva un lato di autodistruzione. Lo faceva per scappare. Scomparire. Non per vincere. Era amato da chi lo amava e odiato dai suoi nemici. Alcuni lo abbracciavano, altri lo soffocavano. Ha toccato tutti.

Diego Armando Maradona

Amava il calcio. L’ha amato fino al suo ultimo giorno. Per lui non è stato un lavoro.  Per lui è stato un gioco. Come un ballo. Ha ballato durante il riscaldamento così come ballava nel gioco. Era una cultura. Era un'ispirazione. Per cantanti, registi e scrittori. Per i bambini che sognavano di essere come lui prima di sognare di volare nello spazio. Con i suoi due piedi apriva la testa e l'anima delle persone.

Con i suoi piedi, ha cambiato vite. Era carismatico. Era ipnotizzante. Eccitante. Era speciale. Così tanto speciale. Non può essere paragonato a nessun altro al mondo.

Diego Armando Maradona

Era un aquilone cosmico. Era un allenatore. Non il migliore. Non il più importante. La cosa più importante è che fece parte del calcio. Questa è stata la cosa più importante. La sua presenza era necessaria. La sua esistenza, critica. Era la speranza. Il promemoria. La prova che i miracoli accadono. Era uno stregone.

Non ha mai saputo come comportarsi. Una ribellione vivente. Era un nuotatore controcorrente. Un cattivo ragazzo. E così è stato fino al mercoledì di quella settimana, alle 18:00, dove per la prima volta nella sua vita finalmente si è comportato come tutti gli altri. Come un essere umano. Come un essere umano. Ha fatto il suo e se n'è andato.

E per me? Per me, un italiano con genitori argentini, rappresentava molto. Era un'occupazione, era un hobby, era un'istruzione, era un lavoro, era un piacere. Confermato. Una gioia.

Diego Armando Maradona - Argentina

Mi ha messo in contatto con le persone. Era l'argomento della conversazione. Materiale di lettura. Il miglior materiale al mondo da guardare. Ricordo come mi piaceva vedere le registrazioni delle sue partite. Vederlo giocare. Rimbalzare. Parlare. Farsi male. Cascare. Alzarsi. Soffrire. Ridere.

Volevo che mi rappresentasse. Per collegarmi all'Argentina. Per essere parte della mia identità. Volevo essere collegato al senso di vittoria che trasmetteva a chiunque avesse osato seguirlo nel fuoco e nell'acqua. Ho indossato le sue camicie. Me lo sono tatuato. Ho seguito le sue gesta, volevo il meglio per lui. Come dicono molti in Argentina in questi giorni, non l'ho mai giudicato per quello che ha fatto per la sua vita, l'ho giudicato solo per quello che ha fatto per la mia.

E oggi, più che mai, capisco davvero quanto ha fatto. Per me. Per la mia famiglia. Per tutti.

 

Quindi grazie Diego. Per ogni cosa.